Vi aspettiamo il 19, 20, 21, 22 luglio 2024


venerdì 19


ore 20.00    11° Torneo di Briscola - Cuatri segnos come ch'j plaseve al Lelo

ore 21.00

ore 20.00    11° Torneo di Briscola - Cuatri segnos come ch'j plaseve al Lelo

ore 21.00    Serata con CAUDIA GO GO GOO e DJ AXE


sabato 20


ore 19.30    inaugurazione

ore 19.30    Concerto con Pop Rock Corno Band

ore 21.00    Ballo gratuito con l'orchestra ENZO ALLEGRI


domenica 21

ore   8.30    Iscrizioni Pedalata Ecologia aperta a tutti

ore   9.30    Ritrovo per il Motogiro dal gjâl

ore   9.45    Partenza Pedalata

ore 11.00    Apertura chioschi

ore 19.30    Esibizione  A.S.D. Corno Pattinaggio

ore 21.00    Ballo gratuito con l'orchestra ALBERTO CREPALDI


lunedì 22

ore 18.00    Staffetta CSI 3x2700 in collaborazione con ASD Podismo Buttrio

ore 21.00    Ballo gratuito con l'orchestra ENRICA PEPE & GUZZINATI

ore 24.00    Pasta... pasta... pasta...

GRANDE PESCA DI BENEFICENZA

ROSTICCERIA CON GRIGLIA ALLA BRACE

ENOTECA CON VINI DOC DELLA ZONA DI CORNO DI ROSAZZO

POSTI A SEDERE AL COPERTO

L'Associazione

L'Associazione nasce nel 1972  con lo scopo di tramandare e organizzare annualmente la Sagre dal gjâl.

L’Associazione, inoltre, organizza altre manifestazioni ed iniziative di vario genere i cui contenuti si ispirino ai valori umani e sociali con lo scopo di valorizzare l’economia del luogo e di tutelare le tradizioni della popolazione residente. 

L'Associazione sostiene le altre associazioni del territorio che abbiano fini sociali compatibili con la propria collaborazione e con contributi economici.

La Sagre dal gjâl si svolge annualmente la terza domenica di luglio, giornata in cui - per tradizione - splende il sole e fa un caldo da morire.

La Sagre dal gjâl  è organizzata nel cjamp dal gjâl, parco festeggiamenti sito in Località Gallo nella frazione di Sant Andrât a Corno di Rosazzo.

El cjamp dal gjâl

Storie da Sagre dal gjâl

La Sagre dal gjâl e cjape el non dal pizul borc dal Gjâl, quatri cjasis atôr de vile dal Lustrissin (famee Vanni degli Onesti), dongje dal Judri, sot la culine di Rutârs e pene fûr di Sant Andrât, in tal cunfin orientâl dal Friûl.

Propit in chist cjasâl, za a la fin dal Votzent, e je nassude la fieste, un timp une vore nomenade e preseade, che clamave dongje la int dai paîs atôr e di dut el Cuei.

Un volte, si sa, la vite dal paîs e are leàde ai lavôrs dai cjamps, che levin daûr al zicli da stagjons e da nature. Tal mês di Lui, seselât el forment e cjapât sù el prin fen, si pensave ancje a polsâ e a divirtisi lassànt daûr fadiis e pinsiars. E cussì e je nassude la biele tradizion da Sagre.

Dut si svilupave atôr dal grant vecjo morâr, un arbul maestôs c'al dominave la plazute dal Gjâl. Si conte che su li sôs ramazis si fasevin su tre palcs: in chel plui in bas e stave l'orchestre; su chel di miez si tignivin li botis da bire; chel plui alt al are riservât ai siôrs dal paîs e a lis autoritâts.

La sagre e durave une setemane e puartave tante ligrie: si beveve, si mangjave, si rideve, si cjantave e si balave. Li fantatis a screavin el vistît gnûf; a nassevin simpatiis e storis d'amôr. A la fin si spietave cun emozion la gare di bal, un romantic valzer: la coppie di balarins plui brave e cjapave in premit un biel gjâl vîf e ruspant.

Cuadri che ricostruìs la vecje Sagre dal gjâl
Cuadri che ricostruìs la vecje Sagre dal gjâl

Une brute dì chel biel morâr al à finît di vivi; ancje la sagre par un pôs di ains e je stade bandonade ma no dismenteade. Tant che tal 1972 un trop di zovins dal paîs al à vude l'idee di tornâ a fâ vivi la sagre, zontant el fîl interot, intun cjamp pôc lontan da plazute.

Dal 20 di otobar dal 2017, propit in chist lùc, al fâs biele figure un gnûf morâr. Nol è el stés morâr da storie che vin contade ma e ûl jessi simbul e memorie di un passât mai dismenteât.